1. Perché l'UE ha creato questo regolamento sul sistema T&T?

Il sistema T&T in conformità con la TPD2 ha come scopo quello di combattere il traffico illecito all'interno dell'Unione europea. Il commercio illecito amplifica gli effetti negativi rendendo meno costoso per le persone acquistare i prodotti del tabacco. È meno probabile che i prodotti del tabacco illeciti siano conformi alle norme dell'UE, come l'obbligo di recare avvertenze sanitarie combinate. Come chiarito negli IA, il sistema T&T viene anche utilizzato per assicurare la conformità con l'articolo 8 del Protocollo sull'eliminazione del commercio illegale di prodotti del tabacco della Convenzione quadro dell'Organizzazione mondiale della sanità sul controllo del tabacco, che è stata ratificata dall'Unione europea. Per contrastare il commercio illecito, la TPD2prevede la creazione di un sistema T&T su scala europea per la catena di approvvigionamento legale dei prodotti del tabacco di cui all'articolo 15. Il sistema T&T viene completato da un sistema di funzioni di sicurezza per aiutare a individuare i prodotti contraffatti di cui all'articolo 16. La tracciabilità e la rintracciabilità del tabacco, a livello di confezione dal fabbricante fino all'ultimo operatore economico a monte della prima rivendita, consentirà alle autorità di seguire il percorso e la fonte del prodottolegale.

2. Quali operatori economici sono identificabili come quelli "a monte della prima rivendita"?

Ai sensi degli IA, per “prima rivendita” si intende l'impianto nel quale i prodotti del tabacco sono immessi sul mercato (cioè messi a disposizione dei consumatori nell’UE) per la prima volta, compresi i distributori automatici. Pertanto, gli operatori economici a monte della prima rivendita comprendono tutti i clienti diretti e indiretti lungo la catena di approvvigionamento del tabacco come distributori, grossisti, cash&carry, key account con depositi centrali, operatori di rifornimento di distributori automatici, depositi, società di trasporto e importatori coinvolti negli scambi dei prodotti del tabacco.

3. Quali sono i passaggi principali nella creazione di un sistema T&T?

Ci sono due passaggi chiave:

(1) Nomina dell'emittente di identificativi

Ogni Stato membro deve nominare un emittente di identificativi indipendente, incaricato di due compiti fondamentali.

Innanzitutto, l'emittente di identificativi deve generare gli IU, composti da numeri e/o lettere, per le confezioni unitarie e, ove richiesto dagli operatori economici, per gli imballaggi aggregati. Questi IU devono essere applicati al prodotto entro un periodo di sei mesi.

In secondo luogo, gli emittenti di identificativi sono anche responsabili dell'emissione di "codici identificativi" per tutti i relativi operatori economici, impianti e macchine, in modo che possano essere facilmente identificati all’interno del sistema. Questi codici identificativi sono necessari per fare richiesta di un IU. Questi codici identificativi sono anche necessari per l’invio di informazioni logistiche e transazionali al sistema di repertori.

(2) Creazione del sistema di repertori

Allo stesso tempo, ciascun fabbricante e importatore di prodotti del tabacco sarà tenuto a concludere un contratto con un fornitore di archiviazione dati per l’hosting dei dati T&T esclusivamente relativi ai loro prodotti ("repertorio primario"). La Commissione esaminerà ogni bozza di contratto e l'idoneità di tutti i fornitori proposti, in particolare in termini di indipendenza e capacità tecnica, e successivamente li approverà o respingerà. In mancanza di una risposta da parte della Commissione entro tre mesi, il contratto e il fornitore saranno considerati approvati.

Una volta selezionati e approvati i fornitori del repertorio primario, la Commissione sarà responsabile della selezione di fornitori formanti partedi un repertorio “secondario”. Il repertorio secondario archivierà tutti i dati T&T (compresi quelli archiviati nei vari repertori primari) e avrà la responsabilità di garantire che le autorità degli Stati membri abbiano accesso a un singolo set di dati. Il sistema di repertorio fornirà alle autorità una panoramica di tutti i movimenti del prodotto.

Una volta completati questi passaggi chiave, il sistema T&T inizierà a prendere forma. I relativi prodotti del tabacco inizieranno a essere contrassegnati con gli IU e i loro movimenti scansionati e registrati lungo tutta la catena di approvvigionamento a partire dal 20 maggio 2019.

4. Quali sono i cambiamenti che saranno visibili sulla confezione?

Tutte le confezioni recheranno un IU (codice di tracciabilità e rintracciabilità). A seconda del fabbricante, l’IU potrebbe costituire un riquadro nero situatonella parte inferiore della confezione. Ci potrebbero essere anche piccole modifiche ad altre caratteristiche della confezione, in mododa permettere il posizionamento del suddetto riquadro nero.

5. Qual è l'uso dell'IU?

L'IU che viene applicato alla confezione al momento della produzione, contiene, le seguenti informazioni:

  • Data e luogo di fabbricazione
  • Dettagli di fabbricazione (macchina utilizzata, turno od orario di fabbricazione)
  • Descrizione del prodotto
  • Mercato di vendita al dettaglio previsto
  • Percorso di spedizione previsto

L’IU consente alle autorità di tracciare ogni fase della catena di approvvigionamento, dalla fabbrica alla prima rivendita.

6. Come è possibile integrare la tracciabilità del prodotto nell'ambiente di lavoro?

Ogni partecipante alla catena di approvvigionamento del tabacco dovrà preparare e valutare in che modo la TPD2 e gli IA influenzeranno i propriprocessi aziendali. Di seguito si elencano alcuni aspetti che sarà necessario considerare:

  1. La procedura per la registrazione di tutti i movimenti dei prodotti del tabacco (ad es. ricezione di prodotti, creazione di nuove gerarchie per la spedizione, invio di prodotti al prossimo operatore economico) dovrebbe essere valutata e preparata per la conformità.
  2. Applicazione di un codice IU per ogni aggregazione e movimento di prodotti del tabacco. Il codice IU a livello aggregato può essere richiesto all'emittente di identificativi competente o generato dallo stesso operatore economico.
  3. I relativi dati afferenti all'aggregazione e ai movimenti dovranno essere trasmessi al sistema di repertori tramite un router.
  4. Ogni impianto (locale di stoccaggio), compresa la rivendita, richiederà un codice identificativo (identificativo impianto), che verrà utilizzato per la generazione di codici di aggregazione o la spedizione/ricezione di prodotti del tabacco durante la scansione.
  5. Tutti gli operatori economici a monte della prima rivendita devono essere pronti con le attrezzature necessarie per poter scansionare i prodotti del tabacco (sigarette e tabacco da arrotolare) e trasmettere i dati al sistema di repertori conformemente ai principi dellaTPD2.

7. In che modo gli operatori economici dovrebbero trattare i prodotti non conformi alla TPD2(non recanti gli IU) a partire dal 20 maggio 2019?

Gli IA prevedono che le sigarette e il tabacco RYO/MYO fabbricati prima del 20 Maggio 2019, senza IU possono essere ancora distribuiti all'interno della catena di approvvigionamento (dalla fabbrica alla rivendita) fino al 20 Maggio 2020 (vale a dire senza obbligo di scansione).

Tuttavia, dal 20 Maggio 2019 gli operatori economici sono tenuti a scansionare e a segnalare i movimenti e le transazioni di qualsiasi nuovo SKU di tabacco non conforme alla TPD2(cioè le confezioni che contengono IU) che hanno in magazzino.

8. Quali software e hardware saranno necessari peressere conformi?

Gli operatori economici possono acquistare soluzioni “off the shelf" (ossia disponibili subito) che forniscono sia l'hardware che il software necessari per la scansione e la trasmissione dei datiTPD2.

In alternativa, possono scegliere di creare le proprie soluzioni o aggiornare i loro sistemi esistenti per essere compliant alla TPD2.

Se dispongono già di un hardware, allora possono essere in grado di utilizzare il software TPD2disponibile presso i fornitori elencati dallo SPOC, ma a causa dei requisiti tecnici della TPD2solo un set limitato di hardware sarà compatibile.

Se non si dispone già dell'hardware, è probabile che siano necessarie attrezzature di base come smartphone e/o scanner per volumi più elevati, al fine di garantire la capacità di scansione, ma ciò dipenderà dalle esigenze aziendali e dalla scelta del software di ciascun operatore economico.

In definitiva, è responsabilità di ciascun operatore economico adeguare i propri sistemi operativi e logistici per potere soddisfare i requisiti T&T della TPD2e degli IA.

9. Chi fornirà l'hardware?

Gli operatori economici acquisteranno l'hardware da un fornitore di loro scelta, tenendo presente l'importo soggetto a rimborso, come comunicato dallo SPOC. L'hardware (scanner) necessario per supportare i requisiti TPD2è già disponibile sul mercato.

10. Chi fornirà il software?

Gli operatori economici dispongono di diverse possibilità per la valutazione del software necessario per la conformitàalla TPD2. L'operatore economico può scegliere di acquistare una soluzione “off the shelf” ossia già disponibile subito dall'elenco dei fornitori fornito dallo SPOC, scegliere di sviluppare/implementare i propri sistemi interni esistenti o, in alternativa, ingaggiare direttamente un altro partner di sviluppo in grado di fornire una soluzione conforme allaTPD2.

11. Se un operatore economico dispone già di scanner e software per gestire la propria attività, può continuare a utilizzarli?

A seconda delle esigenze aziendali e dell'idoneità/complessità delle soluzioni esistenti, gli operatori economici potrebbero essere nelle condizioni di migliorare le loro soluzioni esistenti per essere compliant alla TPD2. Ancora una volta, lo faranno utilizzando le proprie risorse interne o ingaggiando direttamente un partner di sviluppo.

12. Gli operatori economici dovranno utilizzare una soluzione diversa per ogni fabbricante?

L'atto di esecuzione specifica quattro tipologie di supporto dati per la codifica delle informazioniTPD2. La decodifica delle informazioni dal supporto dati dipende dalla codifica delle informazioni effettuata dai fabbricanti e, pertanto, si consiglia all'operatore economico di valutare le specifiche di codifica di ogni fabbricante di fornitura per garantire che la sua soluzione scelta abbia la capacità di decodificare le informazioni corrette.

In allegato si trovano le specifiche di codifica preparate dalle società BAT, JTI, ITG e PMI. Si tratta di uno standard aperto che chiunque è libero di usare. La standardizzazione della codifica tra i fabbricanti semplifica enormemente la decodifica delle informazioni e migliora la possibilità di utilizzare un'unica soluzione per la scansione dei prodotti del tabacco.

Dettagli di codifica DPT europea DCTA

13. In che modo ciò influenzerà l'attuale Route to Market dell'operatore economico?

Tutti gli operatori economici dovranno adattare i loro processi per accertarsi che vengano eseguite la scansione e la trasmissione dei dati in conformità con i principi dellaTPD2. L'attuale livello di automazione e impostazione delle operazioni incideranno su eventuali adeguamenti alla Route to Market. Ad esempio, un operatore economico altamente automatizzato dovrà prendere in considerazione diversi fattori rispetto a un operatore economico con un'automazione modestao nulla. È fondamentale che l'operatore economico riveda attentamente il processo per capire dove deve avvenire la scansione e quando deve effettuare la trasmissione dei dati, prima o dopo l'evento. Queste attività avranno un impatto su tutti gli operatori economici.

14. Cosa succede se l'operatore economico non esegue la scansione? Quali sono le implicazioni/sanzioni?

Le sanzioni per la non conformità ai requisiti della TPD2 sono diverse per ogni Stato membro. Inoltre, ai sensi degli IA, uno Stato membro può disattivare l'EOID (codice identificativo operatore economico) di un OE non conforme nel sistema.

15. Dove può un OE ottenere maggiori informazioni sulla DPT?

Fai clic qui per tutti i documenti relativi all'articolo 15 della TPD2che la Commissione europea ha messo a disposizione del pubblico.

16. In che modo un operatore economico richiede un codice identificativo operatore economico (EOID) e un codice identificativo impianto (FID)?

La procedura effettiva deve essere definita dall'emittente di identificativi nominato in ogni Stato membro. Gli atti di esecuzione prevedono quanto segue:

  • L'articolo 14 descrive come viene elaborata la richiesta di un codice identificativo operatore economico.
  • L'articolo 15 descrive come vengono emessi e registrati i codici identificativi operatore economico.
  • L'articolo 16 descrive come viene elaborata la richiesta di un codice identificativo impianto.
  • L'articolo 17 descrive come viene emesso e registrato un codice identificativo impianto.

Per ulteriori informazioni, fare riferimento agli articoli corrispondenti. Fai clic qui per accedere alla Gazzetta Ufficiale e scegliere la lingua preferita:

17. Chi fornirà informazioni/workshop su come usare gli scanner e il software? Chi addestrerà il nostro personale?

Once an economic operator makes his choice of the supplier to purchase the hardware, they can arrange the details of setting up and training directly with the supplier.

18.È possibile fare riferimento a un fornitore di propria scelta per spendere il finanziamento assegnato?

I fabbricanti partecipanti hanno nominato una società di consulenza indipendente (consulente) per condurre un'indagine di mercato e identificare le potenziali società idonee per la fornitura di soluzioni hardware e software per gli operatori economici. Delle diverse società consultate e che hanno risposto alla richiesta del consulente, solo due società, Honeywell e Inexto, hanno fornito delle offerte dettagliate che sono state dichiarate conformi ai requisiti della DPT e agli atti di esecuzione emessi dalla Commissione europea. Quanto sopra non costituisce un elenco esaustivo dei fornitori o delle attrezzature disponibili e si basa solo sui fornitori che hanno risposto al consulente al 19/10/18.

Gli Operatori Economici sono liberi di scegliere qualsiasi fornitore o attrezzatura, assicurandosi che la soluzione scelta consenta loro di leggere e trasmettere i dati registrati dei prodotti di tabacco alla struttura di archiviazione dati designata.

19.Qual è il processo di acquisizione delle attrezzature? Sarà necessario contattare il rappresentante locale del fornitore di attrezzature proposto, la sede principale del fornitore o bisogna effettuare un ordine tramite e-commerce?

I recapiti dei due fornitori identificati mediante il sondaggio della società di consulenza indipendente sono disponibili sul portale durante l'intero processo in modo che gli Operatori Economici li possano valutare e contattare. Quanto sopra non costituisce un elenco esaustivo dei fornitori o delle attrezzature disponibili e si basa solo sui fornitori che hanno risposto al consulente al 19/10/18. Gli operatori economici sono liberi di scegliere qualsiasi fornitore o attrezzatura.

Una volta che l'Operatore Economico avrà ricevuto dallo SPoC il livello di rimborso per le attrezzature, potrà contattare il fornitore di sua scelta e predisporre i dettagli per l'acquisto della soluzione necessaria per la sua attività direttamente con quel fornitore. Dopo aver fornito allo SPoC la documentazione di acquisto, l’ordine o ogni altra documentazione attestante la rata relativa alle attrezzature che, conformemente alla DPT, consentono di leggere e trasmettere i dati registrati per i prodotti del tabacco della propria attività, quest’ultimo valuterà la richiesta e procederà al rimborso dell'equivalente importo in denaro.

20.Come è possibile ottenere la parte del rimborso da un fabbricante non partecipante?

Se un fabbricante non partecipa al modello, l'Operatore Economico dovrà contattarlo direttamente per ottenere il suo contributo per i costi necessari per l’acquisto delle attrezzature.

21.Cos'è SGS?

L'industria ha selezionato una società terza, SGS Société Générale de Surveillance SA (“SGS”), per fungere da Punto di Contatto Unico (SPoC) per aiutare tutti gli Operatori Economici (Operatori Economici) a dotarsi in modo efficiente delle attrezzature necessarie per leggere e trasmettere i dati registrati al sistema di repertori. Con oltre 95.000 dipendenti, SGS è la società leader nel mondo nell’ispezione, la verifica, il collaudo e la certificazione ed è riconosciuta come punto di riferimento mondiale per qualità e integrità. SGS riconosce l'importanza fondamentale della riservatezza, della privacy e della sicurezza dei dati e si impegna a proteggere la privacy di tutti i suoi clienti e partner in tutte le sue operazioni commerciali.

22.Cosa significa prima rivendita?

Tutti gli Operatori Economici coinvolti negli scambi dei prodotti del tabacco dal fabbricante fino all'ultimo operatore economico a monte della prima rivendita devono munirsi delle attrezzature necessarie per la registrazione dei prodotti del tabacco acquistati, venduti, immagazzinati, trasportati o altrimenti gestiti. Per “prima rivendita” si intende l'impianto nel quale i prodotti del tabacco sono immessi sul mercato (cioè messi a disposizione dei consumatori) per la prima volta (per esempio supermercati, distributori di benzina, tabaccai, edicole, ecc.).

Il Track&Trace termina con la scansione in uscita alla prima rivendita. Ai sensi degli Atti di esecuzione, l'unico obbligo per gli operatori delle prime rivendite è di assicurarsi un codice identificativo di operatore economico e un codice identificativo di impianto.

23.Come vengono calcolate le richieste? Quali sono le ipotesi applicate? È possibile ricevere una formula precisa per il calcolo del rimborso?

Per il calcolo del rimborso (richieste), SGS utilizza dati oggettivi dell'operatore economico e criteri oggettivi verificati dalla società di consulenza indipendente:

  • Tipo di attività dell'operatore economico: C&C, deposito o altro;
  • Attrezzature necessarie per tutte le attività di scansione, comprese entrata, uscita, Pick&Pack, trasbordo e vendite tramite furgoni vending;
  • Volume spedito in imballaggi diversi, tempi di lavorazione e numero di postazioni di lavoro dell’impianto (volume significa - volume di sigarette, tabacco trinciato per sigarette - RYO e MYO - spediti agli Operatori Economici nell'anno 2017).

24.Qual è l’interpretazione del software compreso nell’unità di scansione? È necessario immagazzinare, integrare, ecc.

L’unità di attrezzatura equivalente è quella considerata necessaria per consentire agli operatori economici di leggere e trasmettere i dati registrati dei prodotti del tabacco al sistema di repertori al fine di ottemperare ai loro obblighi di notifica stabiliti nella DPT e negli atti di esecuzione emessi dalla Commissione europea.

La soluzione consiste di dispositivi di scansione con software collegati a un cloud pubblico e ha le seguenti capacità:

  • Dispositivi di scansione: leggono vari tipi di codici univoci applicati a livello di confezione e a livello aggregato e li trasmettono al cloud tramite WI-FI, GPRS;
  • Cloud: registra i codici univoci, formatta i dati registrati in messaggi formattati secondo i requisiti di legge, e trasmette i messaggi a un router definito dal fornitore di repertorio secondario.

Sono previsti diversi processi operativi logistici, come da allegato 2 degli atti di esecuzione

  • Arrivo;
  • Spedizione (compresa spedizione tramite furgoni vending , spedizione vending);
  • Resi per danni o per rivendita;
  • Distruzione;
  • Modifiche delle unità di spedizione (Aggregazione & Disgregazione);
  • Scansione del prodotto durante il trasporto/transito, per il trasbordo;
  • Fatture, registri di pagamento;

Inoltre, il cloud consente di effettuare diverse attività amministrative:

  • o Caricare dati anagrafici;
  • Aggiornare le versioni dei software;
  • Richiamare messaggi dal router;
  • Amministrazione utenti;

25.Come e dove è possibile acquisire le specifiche tecniche per la soluzione di attrezzature T&T?

Le specifiche tecniche sono disponibili sulla piattaforma OnTrack SGS o nella pagina web della COMMISSIONE EUROPEA utilizzando il link sottostante Specifiche tecniche

26.Posso ricevere informazioni sui dati che è necessario inviare allo SPoC prima di effettuare la registrazione sulla piattaforma OnTrack?

È possibile prepararsi alla registrazione raccogliendo informazioni sulla propria attività; in particolare:

  • Valutando il processo fisico attuale e identificando gli eventi di scansione necessari
    • Di quante postazioni di lavoro si dispone?
    • Esiste un'area Pick&Pack? Un'area in uscita?
    • Sono previsti trasbordi o furgoni vending?
    • Quante ore delle giornata lavorativa, pause escluse, vengono impiegate per la scansione nelle attività Pick&Pack del Track&Trace conforme alla DPT?
  • Avendo gli indirizzi e i volumi per impianto a disposizione
    • Qual è il volume per impianto di sigarette (FMC) e di tabacco trinciato a taglio fine per arrotolare le sigarette (RYO/MYO)?
    • In che formato si ricevono i prodotti del tabacco e in che formato vengono inviati successivamente (es. mastercase in entrata, 80% in uscita in stecche)?

27.Cosa comprende l’"unità di scansione"?

L’unità di scansione comprende le attrezzature, compresi software e hardware, necessarie per la registrazione dei prodotti del tabacco acquistati, venduti, immagazzinati, trasportati o altrimenti gestiti.

28.Cosa succede se l'Operatore Economico si rende conto di aver commesso un errore dopo che l’importo è già stato calcolato?

Prima di procedere con la sua richiesta di rimborso, l’Operatore Economico può contattare l’assistenza SGS tramite una delle opzioni disponibili fornite nel portale OnTrack e chiedere a SGS di modificare i campi in questione. A seconda del livello di modifiche richieste, è possibile che SGS abbia necessità di verificare e validare l'accuratezza dei dati inseriti.

29.Lo SPoC fornirà delle linee guida su come la soluzione T&T sarà integrata con i sistemi locali dell’operatore economico?

Lo SPoC non fornirà le suddette informazioni. Qualsiasi integrazione con i sistemi locali di un operatore economico deve essere effettuata dall’Operatore Economico stesso. Tale servizio non rientra negli obblighi dei fabbricanti. L'Operatore Economico si potrà avvalere di un integratore di soluzioni per sviluppare una soluzione che soddisfi le proprie esigenze, ma i relativi costi saranno a suo carico.

30.Nel caso in cui l’Operatore Economico abbia fatto degli investimenti per essere conforme alla DPT prima dello SPoC, come può essere rimborsato?

I fabbricanti partecipanti sono consapevoli del fatto che un certo numero di Operatori Economici hanno lavorato in anticipo per adeguarsi ai cambiamenti necessari derivanti dalla DPT nel 2019 e potrebbero aver già investito nell'acquisto delle attrezzature necessarie per leggere e trasmettere i dati registrati al sistema di repertori, prima della creazione del modello SPoC. Questi Operatori Economici dovranno comunque presentare domanda tramite lo SPoC, fornire i loro dati e inoltrare le loro richieste relative all’impianto come qualsiasi altro Operatore Economico.

Quando il processo raggiunge la fase corrispondente alla richiesta di rimborso, l’Operatore Economico potrà fornire la documentazione relativa all'acquisto o all’acquisizione dell'hardware e software necessari che può anche comprendere la documentazione relativa all'investimento effettuato in passato ai fini della conformità con la DPT. SGS potrebbe aver necessità di verificare e validare l'accuratezza della documentazione relativa all'investimento, per poi rimborsare l'Operatore Economico fino al massimo dell'importo di rimborso calcolato.

31.Lo SPoC fornirà agli Operatori Economici una dichiarazione di riservatezza che garantisca la protezione dei dati e che tutti i dati relativi agli stessi verranno rigorosamente gestiti con riservatezza da parte di SGS, evitando che dati sensibili siano accessibili da altri?

SGS tratta con riservatezza tutte le informazioni che gli vengano fornite. SGS ha adottato tutte le misure e le precauzioni di sicurezza necessarie in conformità agli standard industriali riconosciuti a livello mondiale e in conformità all'art. 5/1 f e art. 32 del GDPR per ridurre il rischio di violazione della riservatezza, dell’integrità e della perdita di disponibilità dei dati forniti dagli Operatori Economici elaborati dallo SPoC.

I dati saranno conservati e trattati in Europa. Il data center principale di Microsoft è in NL/Amsterdam, con DR (disaster recovery/failover) in lE/Dublino.

Consultare la clausola 1 (d) della Parte 1: Le Condizioni generali di servizio SGS relative ai Termini di utilizzo di On-Track SGS sono disponibili nel portale.

32.Quali dati vengono condivisi da SGS?

Tutti i dati sono trattati in modo confidenziale ed elaborati solo nella misura in cui sia necessario per la prestazione del Punto di contatto unico (SPoC) per la fornitura di attrezzature di cui all'articolo 15 (7) della DPT II.

I dati sensibili dei fabbricanti o degli Operatori Economici non saranno condivisi con i Fabbricanti partecipanti o gli Operatori Economici.

SGS manterrà riservate tutte le informazioni, le istruzioni e i documenti inviati dagli Operatori Economici attraverso il portale Web e SGS non utilizzerà, autorizzerà o consentirà all'uso, alla copia o alla divulgazione delle informazioni fornite dagli Operatori Economici o di parte di queste tranne nei seguenti casi:

  • ai fini della fornitura di servizi da parte di SGS agli Operatori Economici;
  • divulgazione ai Fabbricanti partecipanti (come definito nei Termini e Condizioni On-Track di SGS per gli Operatori Economici) al fine di consentire loro di validare le richieste e come parte delle informazioni di gestione per tracciare lo stato di avanzamento delle richieste; e
  • divulgazione ai propri consulenti professionisti, agenti o rappresentanti allo scopo di ottenere una consulenza professionale.

Attenzione: quanto sopra non si applica alle informazioni degli Operatori Economici che: o sono o diventano di dominio pubblico (ma non in violazione di questi termini);

  • SGS riceve da una terza parte indipendente che ha il diritto di divulgarle;
  • erano in possesso di SGS prima della data di ricezione da parte degli Operatori Economici;
  • devono essere divulgate per legge o per disposizione di un’autorità giuridica o regolamentare

33.Come saranno protetti i dati personali?

Tutti i dati sono trattati in modo confidenziale ed elaborati solo nella misura in cui sia necessario per la prestazione del Punto di contatto unico (SPoC) per la fornitura di attrezzature di cui all'articolo 15 (7) della DPT II. SGS elabora i dati conformemente all'Articolo 5 (1) (f) e all’Articolo 32 del GDPR. Ha adottato tutte le misure e le precauzioni di sicurezza necessarie in conformità agli standard industriali riconosciuti a livello mondiale per ridurre il rischio di violazione della riservatezza, dell’integrità e della perdita di disponibilità dei dati personali dei Produttori partecipanti e degli Operatori Economici elaborati per fornire i Servizi. I dati vengono archiviati nell'UE in centri separati: struttura dati principali e struttura di ripristino dati per backup.

Chi è SGS

SGS è la società leader nel mondo per l'ispezione, la verifica, il collaudo e la certificazione. Siamo riconosciuti come il punto di riferimento mondiale per la qualità e l'integrità. Con oltre 95.000 dipendenti, gestiamo una rete di oltre 2.400 uffici e laboratori in tutto il mondo.
 

Visita il nostro sito Web mondiale su SGS.com
 

Contattaci

Cosa c’è da sapere in più sulla direttiva relativa ai prodotti del tabacco? Chi è ammissibile a richiedere rimborso? Come registrare una richiesta di rimborso? Non esitare a contattare il nostro team di supporto.
 

  • Puoi contattarci tramite:
    • E-mail, utilizzando il pulsante sottostante "Inviaci un'e-mail"
    • Live Chat, utilizzando il link disponibile nella barra laterale a destra
    • Telefono, utilizzando il numero di telefono sottostante